Vita più lunga, vita più sana?

L'essere umano medio è destinato a vivere sempre più a lungo rispetto al passato. Quasi tutti i paesi del mondo hanno visto un aumento dell'aspettativa di vita dall'inizio del 21esimo secolo.

Dunque è vero che viviamo più a lungo, ma vivremo in modo più sano?

L'aspettativa di vita in buona salute (Health Adjusted Life Expectancy oppure HALE), è una metrica utilizzata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per misurare il numero di anni che una persona può aspettarsi di vivere in buona salute, prendendo fattori sociali ed economici in considerazione insieme a malattie e tasso di disabilità.

Quando sottraiamo l'aspettativa di vita in buona salute dall'aspettativa di vita reale, si ricava la quantità media di anni che qualcuno può aspettarsi di vivere in cattiva salute.

Questa infografica vuole mettere a confronto i diversi continenti e paesi del mondo per una chiara panoramica sugli anni che viviamo in cattiva salute, per capire dove si vive una vita più lunga e più sana.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Europa

Pur avendo una delle più alte aspettative di vita di tutto il mondo, i cittadini europei vivono il maggior numero di anni di cattiva salute. Gli anni di cattiva salute sono aumentati nella maggior parte d'Europa dal 2000.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Nord e Centro America

I risultati misti in Nord e Centro America rispecchiano la vasta gamma di condizioni economiche e sociali presenti in tutta la regione. Gli Stati Uniti vedono uno dei più grandi aumenti di anni vissuti in cattiva salute di tutto il mondo.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Sud America

Allo stesso modo, il Sud America mostra una molteplicità di risultati. Nazioni come la Bolivia e l'Ecuador, tradizionalmente considerate tra le meno sviluppate, hanno raggiunto la più grande riduzione negli anni sfavorevoli per la salute del continente.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Africa

Molti paesi africani hanno fatto passi da gigante in materia di salute e di sviluppo dall'inizio del 21esimo secolo, cosa che si riflette nei dati dell'OMS. È proprio in Africa che si sono verificate le maggiori riduzioni in anni di cattiva salute.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Medio Oriente e Asia

Mentre gli anni vissuti in cattiva salute nella maggior parte dei paesi del Medio Oriente sono aumentati a partire dal 2000, i risultati in tutto il resto dell'Asia sono leggermente migliori.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Sud Est Asiatico e Oceania

La diversità di questa regione si riflette nei dati riguardanti la salute. L'Indonesia e il Sud Est asiatico hanno fatto grandi passi avanti nella riduzione negli anni di cattiva salute a partire dal 2000, ma l'Australia e la Nuova Zelanda hanno visto aumentare gli anni in cattiva salute.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Variazioni nell'aspettativa di vita dal 2000

Oltre agli anni vissuti in cattiva salute, abbiamo notato diversi aspetti interessanti relativi all'aspettativa di vita nel mondo.

Il costo del conflitto

Solo due nazioni non hanno registrato un miglioramento della speranza di vita e si tratta di Iraq e Siria.

L'aspettativa di vita in Iraq resta stagnante, mentre in Siria è diminuita di 3 anni dal 2000.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

 

Una vita più lunga e anche più sana

Un certo numero di paesi hanno assistito ad un sorprendente aumento dell'aspettativa di vita dall'anno 2000. I 10 paesi con l'aumento più significativo sono tutti in Africa.

Se le è piaciuta questa infografica, incorpori questo codice sulla sua pagina per condividerla gratuitamente.

Pin It on Pinterest

Share This